Avere un logo ben fatto è importante?

Avere un buon logo vale già il 50% del tuo business

Sei sicuro di voler rischiare una grossa fetta del tuo mercato?

Se pensi che non avere un logo o averne uno qualsiasi non sia importante per le piccole aziende, devi ripensarci. Al giorno d’oggi non importa in quale campo sei. L’importante è essere bravi ad emergere dalla massa ed essere ricordati dalle persone. Pertanto, è necessario per prestare sempre molta attenzione al design del tuo logo.

Inizio col dirti che senza un logo, un’azienda non esiste. Può essere rappresentato da un nome, un simbolo, un segno grafico o una combinazione di tutti questi, usati insieme per creare una personalità unica per la tua azienda. È il primo approccio di un’azienda verso i futuri clienti e verso il mondo intero.

È il volto, la reputazione, l’identità della tua azienda. Il modo in cui sei percepito dai clienti e la prima impressione per gli altri è inevitabilmente importante.

Detto questo, credo di immaginare che uno dei tuoi scopi principali sia dare un’ottima impressione ai tuoi clienti, o no?

Di cosa parlerò in questo articolo

Cos'è un logo?

Se cerchi sul web, troverai tantissimi paragoni della vita di un brand o di un’azienda come un iceberg.

Gli iceberg sono composti da una piccolissima parte che esce fuori dall’acqua e una enorme quantità di ghiaccio sommersa. E così è la tua azienda.

Se osservi questa immagine di Map&Fire potrai sicuramente capirlo meglio. 

Un logo è come un iceberg

La parte superiore, quella visibile da tutti, è la tua Brand Identity o più semplicemente l’identità della tua azienda. Composta da il logo, il nome, i colori, i caratteri di tutte le tue comunicazioni pubbliche. A partire dal semplice marchio distintivo, per finire alla pubblicità che fai su una rivista o su un cartellone stradale.

Tutto questa è la punta, sotto di essa invece c’è tutta la strategia della tua azienda. I tuoi prodotti, il tuo obiettivo, il tuo team, i tuoi clienti, il tuo marketing e anche il tuo commercialista!

Il logo quindi, così come la tua comunicazione, deve essere perfetto ed impeccabile così da essere visibile da tutti e non far fare a nessuno la fine del Titanic.

Come deve essere un buon logo?

Non è sicuramente semplice. Non è misurabile da 1 a 10. Non puoi sapere se il tuo logo è migliore di quello di un’azienda che non tratta nemmeno i tuoi prodotti. Sarebbe come paragonare Buffon a Messi o meglio, Buffon a Tiger Woods.

Deve sicuramente fare una cosa: esprimere l’anima della tua azienda. Se riesce in questo…allora sarà sicuramente un buon logo!

Io ti darò qualche spunto. Pensa a quello della tua azienda e chiediti se è così.

  • Il tuo logo è ATTRATTIVO...

    ...quel tanto che basta da creare fiducia e aiutare i consumatori ad identificare il brand o l’azienda in maniera rapida?

  • Il tuo logo è SEMPLICE...

    ...ma non banale?

  • Il tuo logo è FLESSIBILE...

    ...così da poterlo utilizzare su differenti canali come il web o la stampa senza problemi?

  • Il tuo logo è COERENTE...

    ...alla tua azienda e ai tuoi prodotti?

  • Il tuo logo è MEMORABILE...

    ...così che I consumatori sono in grado di ricordarlo facilmente anche in futuro?

Se a tutte queste domande hai risposto sì, allora puoi chiudere questo articolo e magari leggere questo. Altrimenti, se hai anche un solo minimo dubbio, continua a seguirmi per scoprire qualche sistema per migliorare il tuo logo e di conseguenza il tuo fatturato.

Il tuo logo è attrattivo?

Partiamo dal primo punto. Cosa vuol dire avere un logo attrattivo?

Un logo, come detto, deve identificare tutto l’iceberg e quindi tutta la tua azienda. Credo tu possa immaginare da solo che un marchio che non faccia pensare alla serietà della tua azienda sia di per se controproducente.

Forse è meglio se lo definisca sexy. In poche parole, piacevole all’occhio e che dia un senso di fiducia del brand. Ricordi il logo delle Olimpiadi di Londra 2012? È stato il più criticato di sempre non solo sul web. Più di 50.000 cittadini londinesi hanno firmato una petizione per farlo ridisegnare (fu pagato 400.000 sterline).

Ecco, questo vuol dire non essere attrattivi… certo, nel caso di un evento mondiale come le Olimpiadi fa poca differenza, immagina invece se fosse stato il logo di un’attività. Cosa avrebbe comportato in termini monetari?

London 2012

Il tuo logo è semplice?

Adoro la semplicità. Quando mi chiedono di aggiungere elementi ad un design storco sempre un po’ la bocca. Ma lo faccio per un motivo. Da qualche parte lessi: “Se riesci a disegnare il tuo logo a mano libera, anche male, allora è un logo che funziona”.

Avere un logo semplice permette di essere qualcosa di facilmente identificabile. Ed è questo il nostro scopo no? 

Pensa a quello di Amazon: una scritta + una freccia e racchiudono TUTTO!

  • Nome (Amazon)
  • Marchio identificativo (Freccia)
  • Colori (Arancione e Nero)
  • Mission (La freccia va dalla A alla Z, ovvero tutto quello che puoi trovare su Amazon)
Logo Amazon

Il tuo logo è flessibile?

Questo è forse quasi banale dirlo, eppure ancora oggi trovo molti clienti con loghi vecchi e che non possono essere riproducibili in grandi dimensioni perché altrimenti “sgranerebbero”.

Un logo deve essere versatile. Deve poter essere riprodotto su una spilla, visualizzato sul web, stampato su un biglietto da visita, o anche riprodotto sulla fiancata di un camion.

“Eh ma tanto io ho un’azienda piccola non avrò bisogno di stamparlo in grande” E allora è anche inutile che alzare la serranda la mattina perché, tanto ci sarà sempre qualcuno più grande di noi che venderà di più!

Ti dò una piccola dritta… se non hai un logo in vettoriale (ti spiegherò in un altro articolo cosa significa) devi avere una versione del tuo marchio in almeno una di queste varianti:

 

Solitamente, se ti affidi ad un professionista, insieme a tutti i formati, ti verrà fornita una guida specifica che indica chiaramente come deve essere e come non deve essere utilizzato.

Guarda ad esempio la comunicazione di Linkedin, il noto social network per il business. Il logo principale è il primo. Nella versione con sfondo scuro, come puoi vedere, il colore della scritta “linked” si trasforma in bianco.

Nelle ultime due versioni vediamo invece l’applicazione ad un colore sempre sia per sfondo chiaro che scuro. In questo modo, la comunicazione sarà sempre chiara e visibile su ogni tipologia di sfondo. Utile no?

Linkedin Variations

Il tuo logo è coerente?

È necessario che rispecchi anche la tua mission, il tuo obiettivo. Con il logo, come abbiamo detto, devi trasmettere i tuoi valori e quindi ciò che vuoi vendere o offrire.

Essere incoerenti è il primo errore che molti commettono nella progettazione del proprio logo. Solo perché ti piacciono i panda, come a me, non è detto che possa andar bene inserire questo animale nel mio logo se magari vendessi caffè. Lo sarebbe solo se la mia azienda avesse la parola Panda nel naming.

Non per questo però il tuo deve rappresentare ciò che vendi in maniera diretta. Anzi, un logo che racconta i tuoi valori tramite un messaggio “subliminale” (un po’ come abbiamo visto con Amazon) è decisamente più interessante.

Pensa ad Apple. Il suo nome significa mela, il suo logo è una mela ma non è una frutteria!

Apple Logo

Il tuo logo è memorabile?

Te l’avrò ripetuto mille volte ma il primo ruolo che deve avere il tuo logo è essere memorabile. Sapersi identificare e distinguersi dalla massa (e più avanti ti farò un esempio molto interessante).

Togliamoci per un momento dalla testa tutti i loghi più famosi come Nike, Apple, McDonald’s etc…che ormai sono entrati nel nostro immaginario collettivo grazie ad anni di business e di investimenti pubblicitari. Tu non devi paragonarti a loro ma pensare che anche tu, nel tuo piccolo, puoi diventare memorabile.

Ti faccio questo piccolo esempio che ho realizzato per un ragazzo che ho conosciuto durante un viaggio in Kenya. È un progetto che ho molto a cuore perché lì, davvero, hanno ben poco. Aveva bisogno di una immagine completa per distinguersi dagli altri concorrenti locali (a partire dal nome).

Perché secondo me è memorabile? Perché oltre che a distinguersi dagli altri tour operator locali, trasmette realmente l’anima dell’azienda: amicizia – africa – animali. Li vedi?

Se vuoi saperne di più ti rimando a questo link dove puoi trovare altri dettagli sul progetto.

 

I vantaggi di avere un buon logo

Ok abbiamo visto come può essere un logo ma quali sono i vantaggi?

Secondo uno studio di McKinsey & Company le aziende B2B con marchi forti e coerenti hanno il 20% di successo in più rispetto a quelle deboli o incoerenti.

Questo dovrebbe già bastarti, ma se non basta, allora voglio darti ancora qualche spunto.

Come detto un logo, bello o brutto che sia, agirà di riflesso sul tuo business. Il tuo marchio mostra l’esistenza del tuo lavoro, i tuoi obiettivi e cosa rappresenti. Inoltre ti aiuta nel marketing se si distingue facilmente fra tutti quelli dei concorrenti o degli altri produttori.

Osserva i loghi qua sotto. Ovviamente parliamo di marchi molto famosi… ma sposta un attimo la tua mente e prova ad immaginarli come loghi di aziende della tua città.

Saresti in grado di ricordarti presso quale di questi negozi o aziende, hai acquistato uno specifico prodotto?

Loghi uguali

Questo non vuol dire che il tuo logo debba essere famoso e unico (anche se ci piacerebbe). Ma sicuramente dovrà essere memorabile da parte degli utenti e non farlo confondere con altri già presenti.

Avere un logo originale, unico e ben fatto ti aiuta ad avere “consistenza”. Puoi usarlo in tutti i mezzi di commercializzazione del tuo prodotto senza alcuna difficoltà. Un logo può essere universale. Può essere usato sui tuoi biglietti da visita, sul tuo sito web, ma anche sulle fatture o scontrini o magari sulle buste che consegni ai tuoi clienti.

Quindi?

Quindi ora non ti resta che decidere.

Se ritieni che il tuo logo rispecchi tutto quanto detto sopra allora continua così e porta avanti il tuo business. Se invece ritieni di avere bisogno di qualche consiglio in più clicca qui e beviamoci un caffè insieme!

Il consiglio del Panda

Il Consiglio del Panda

Ci sono dei loghi che nascono sulle mode del momento. Come avevo specificato anche per i domini web, anche i loghi trendy sono destinati ad una breve durata. Quando pensi al tuo logo devi pensarlo per durare più a lungo possibile (anche perché non credo tu abbia voglia di pagare il grafico più di una volta 😜). Chiaramente potrà subire dei restyling in base alle necessità del “tempo” ma tutto questo non dovrà mai compromettere il messaggio iniziale. Pensa a Coca Cola o Nike che hanno lo stesso logo da sempre. Poi pensa a Microsoft che invece lo ha riadattato ad una visione più moderna. Ed infine pensa a GAP che ha invece creato il suo restyling salvo poi tornare dopo una settimana al vecchio logo!
Gap Logo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.